CARATTERISTICHE DI BENI FINITI ED ESEMPI

La Risoluzione Ministero Finanze n. 39/E del 9 marzo 1996 precisa che i “beni finiti” sono quelli “aventi caratteristiche tali da poter essere sostituiti in modo assolutamente autonomo dalla struttura della quale fanno parte e che con- servano, quindi, la propria individualità. A tal proposito possono essere consideati a tutti gli effetti “beni finiti” del Settore Idrotermosanitario, con conseguente applicabilità delle aliquote IVA ridotte: 

​• apparecchi idrosanitari in vitreous china, fire clay e altri materiali;
• bruciatori per caldaie;
• cabine doccia (comprensive di box doccia e piatto doccia);
• cabine doccia-sauna (comprensive di box doccia e piatto doccia);
• caldaie per riscaldamento a gasolio, a gas, a carbone o funzionanti con altri tipi di combustibile; • caminetti;
• cassette di scarico esterne e/o da incasso;
• centraline elettroniche ed apparati di controllo per impianti di riscaldamento e/o condizionamento;
• condizionamento (impianti);
• contatori e misuratori per impianti idraulici e di riscaldamento;
• depuratori;
• dolcificatori d’acqua;
• filtri;
• flessibili;
• impianti solari termici;
• impianti fotovoltaici;
• impianti irrigazione (se accessori);
• infissi;
• lavabi (anche comprendenti componenti arredo bagno, purché il prodotto sia caratterizzato da un singolo codice articolo);
• lavelli in acciaio inox;
• minuterie per impianti idraulici, da riscaldamento e/o condizionamento;
• piatti doccia in ghisa, acciaio e altri materiali;

pilettame;
• pompe e circolatori di tutti i tipi per uso idraulico e/o di riscaldamento;
• raccorderia in ghisa, ferro, nera, zincata, cromata;
• raccorderia in ottone, rame, bronzo;
• radiatori a corpi scaldanti di tutti i tipi e materiali;
• rubinetteria cromata e rubinetteria gialla esterna da incasso;

• saracinesche e valvole in ghisa;
• scaldabagni elettrici, a gas o funzionanti con altri combustibili;
• scaldabagni solari;
• scale a chiocciola;
• sifoname;
• stufe (integranti impianti di riscaldamento che non si caratterizzino come semplici elettrodomestici);
• tubazioni e altri manufatti in ghisa, acciaio, plastica, piombo e/o altri materiali per impianti di scarico di acque bianche o nere;
• tubazioni in acciaio nero o zincato, in rame e altri materiali per impianti di adduzione di acqua calda e/o fredda;
• vasche idromassaggio;
• vasche in ghisa, acciaio e altri materiali. 

Non possiedono invece le caratteristiche di “bene finito” i prodotti riconducibili alle famiglie dell’arredobagno e dell’accessoristica in genere, così come i semplici elettrodomestici (es.: stufette elettriche) che devono essere pertanto ceduti applicando l’aliquota IVA ordinaria. 

CESSIONE DI BENI FINITI

Sono tre sostanzialmente le condizioni che devono sussistere per poter applicare le aliquote IVA ridotte nel pieno rispetto della normativa fiscale vigente: 

  1. l’oggetto della cessione deve riguardare beni “finiti” (cioè di beni che, incorporandosi nei fabbricati senza perdere la loro individualità, ne costituiscono elementi strutturali e/o funzionali, diventando quindi parti integranti dei fabbricati stessi);
  2. i beni finiti devono essere utilizzati per uno degli interventi edilizi “agevolati” per i quali è prevista l’applicazione dell’aliquota IVA ridotta 4% o 10%; 
  3. l’acquirente deve rilasciare una dichiarazione di responsabilità circa l’utilizzo dei beni finiti stessi; è inoltre opportuno che venga allegata la fotocopia del titolo abilitativo necessario per effettuare l’intervento edilizio (DIA, SCIA, Comunicazione Inizio Attività o Permesso di costruire).

​L’acquisto dei beni finiti per un intervento “agevolato” consente di applicare l’agevolazione fiscale ai beni, diversi dalle materie prime e semilavorate, acquistati sia da un soggetto che effettua l’intervento in economia, sia da parte di chi esegua i lavori in appalto o subappalto; naturalmente, anche in questo caso, l’acquirente (es.: subappaltante installatore) dovrà rilasciare al commerciante un’apposita dichiarazione di responsabilità che attesti la destinazione d’uso finale dei beni stessi (circolare Ministero Finanze n. 1/E del 2 marzo 1994).

IVA RIDOTTA NEL SETTORE EDILIZA

Le argomentazioni presenti in questo capitolo informativo, vogliono rappresentare uno strumento veloce di consultazione e sono dedicate alle modalità applicative dell'IVA ridotta nel settore Edile. Facciamo riferimento alle casistiche ricorrenti legate agli interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione per quanto concerne i prodotti ("beni finiti" e semilavorati) trattati nel settore idrotermosanitario.

TABELLA RIEPILOGATIVA PER LE NUOVE COSTRUZIONI


​​Le nuove costruzioni                                                Cessione beni finiti                                          Prestazioni di servizi

                                                                                                                                                                               (contratti di appalto subappalto)


Costruzione casa non di lusso

(se il committente possiede i                                                4%                                                                                 4%

requisiti prima casa). 


Costruzione casa non di lusso

(se il committente non possiede                                          4%                                                                               10%

i requisiti prima casa). 


Costruzione casa non di lusso

(se il committente è un’impresa

che effettua la costruzione per la                                         4%                                                                                  4%

successiva vendita). 


Costruzione casa non di lusso

(se il committente è un’impresa o

ente che non effettua la costruzione                                  4%                                                                                 10%

per la successiva vendita). 


Costruzioni fabbricati rurali ad uso

abitativo (se ricorrono le condizioni                                   4%                                                                                    4%

previste da art. 9, D.L. 557/1993).


Costruzione edifici assimilati alle

case di abitazione non di lusso

(caserme, ospedali, case di cura,                                        10%                                                                                 10%

collegi, orfanotrofi, ecc...). 


Costruzione uffici, negozi, alberghi                                    22%                                                                                  22%


Ampliamento casa non di lusso se il

committente possiede i requisiti                                           4%                                                                                    4%

“prima casa”.


Ampliamento casa non di lusso
se il committente non possiede                                              4%                                                                                  10%

i requisiti “prima casa”.


Completamento costruzione casa

non di lusso - se il committente                                               4%                                                                                   4%

possiede i requisiti “prima casa”.


Completamento costruzione casa

non di lusso -se il committente non                                        4%                                                                                 10%

possiede i requisiti “prima casa”.


Costruzione casa di lusso

(appartenente alle categorie                                                      22%                                                                               22%

catastali A1/ A8/A9). 

TABELLA RIEPILOGATIVA PER GLI INTERVENTI EDILIZI AGEVOLATI

(Recupero edilizio su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata)

​​

Manutenzione ordinaria e straordinaria Lett. a/b, art. 3, comma 1, D.P.R. n. 380/2001 

  • ​Contratti di appalto = 10%
  • Contratti di subappalto = 22%
  • Cessione beni finiti = 22%
  • Cessione altri materiali (es. semilavorati) = 22% 


Restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica Lett. c/d/f, art. 3, comma 1, D.P.R. n. 380/2001 

  • ​Contratti di appalto = 10%
  • Contratti di subappalto = 10%
  • Cessione beni finiti = 10%
  • Cessione altri materiali (es. semilavorati) = 22% 

Per approfondimenti sul tema, vi consigliamo di scaricare la brochure "IVA ridotta nell'edilizia" (Edizione 2019) redatto da ANGAISA.

#sosteniamoiltuocomfort